foibe

DELLE FOIBE E DEI PARTIGIANI
da Giorgio Goldoni

Mai parole furono meno appropriate che “liberazione ” e “resistenza” per descrivere quanto accadde tra il 1943 e il 1947.
Dato per scontato l’apporto militare quasi inesistente dato dai partigiani alle forze alleate nella conquista dal sud al nord della penisola, lo scontro era prevalentemente tra ricchi e poveri, e il mito della rivoluzione lenino-stalinista era la parola d’ordine della maggior parte delle forze del CLN, cioè la presa vilenta del potere ,anche con la soppressione fisica degli avversari, da parte dei comunisti e l’istaurazione di un regime bolscevico.
Questo pericolo fu sventato definitivamente solo dopo le elezioni del 18 aprile 1948, con grande delusione per esempio, della lavandaia di mia nonna che il venerdì precedente all’apertura dei seggi elettorali le aveva detto: “se vinciamo noi, vengo qui e le porto via tutto quello che ha in casa”.
Ovviamente la vittoria dei ceti medi ci risparmiò almeno cinquant’anni di sottosviluppo e portò il benessere , loro malgrado, proprio alle classi meno abbienti.
Potremmo dire: abbasso il comunismo e viva il consumismo?

foibeultima modifica: 2004-02-21T16:51:17+01:00da giorgiogoldoni
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento