commento su articolo de “Il Brescia” a proposito di Hamas

Oggetto: Hamas- commento ad articolo pubblicato il 22.4.06
Data: domenica 23 aprile 2006 16.54
Annalisa Chessa mostra una limitata e viziata visione del problema , esordendo con una affermazione che la dice lunga sui suoi metri valutativi: Israele, Usa ed Europa sono ottusamente intransigenti nel trattare con Hamas. Ci dimentichiamo così che Hamas non è una associazione di giovani esploratori, ma una banda di terroristi, che non avrà pace (le dichiarazioni sono degli stessi capi del gruppo) fino a quando Israele sarà spazzato via dal Medio Oriente.
Il tifo calcistico non serve per valutare il conflitto israelo-palestinese. La Chessa dovrebbe leggersi la storia di questo martoriato territorio, e magari sposare di più l'ottica del palestinese uomo della strada (di cui nessuno parla mai), e che in definitiva subisce le conseguenze della situazione.
Ci dimentichiamo che la minoranza cristiana (in rapida diminuzione) più che difendersi dagli israeliani deve difendersi dai cugini mussulmani, e che il mare enorme degli aiuti internazionali è stato incanalato da Arafat e i suoi quarantamila ladroni su sicure casseforti svizzere e non distribuito alla popolazione.
Per decenni l'opinione pubblica internazionale ha ricevuto una sola versione dei fatti, quella voluta dalla oligarchia palestinese al potere, e a nessun giornalista è mai stato concesso di scorazzare liberamente in Palestina , senza la fidata compagnia di una"guida -interprete" per appurare la verità.
In media duecento palestinesi ogni anno sono stati brutalmente soppressi, rei solamente di voler cooperare con Israele.
Un contributo ad una soluzione del conflitto è anche quella di dire la verità , aldilà del conformismo ideologico.

commento su articolo de “Il Brescia” a proposito di Hamasultima modifica: 2006-04-25T17:27:34+02:00da giorgiogoldoni
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “commento su articolo de “Il Brescia” a proposito di Hamas

  1. Contesto tutto!La questione non è se parteggiare o con chi parteggiare,Ham as è stato liberamente eletto, la palestina venne divisa arbitrariamente con la fine della seconda guerra mondiale, i suoi popoli pur divisi dalla lingua e dalla religione sotto certi aspetti hanno aspetti molto comuni tra di loro.Gli Ebrei (quelli presenti prima del ’45) erano convissuti per millenni con la parte araba e con quella cristiana…… ………l’odie rna intifada (terminata subito dopo la moret di Arafat)non venne ,forse, innescata dalla buffonata di Sharon?…….. …non si può disgiungere la pace dalla completa cessione della cisgiordania e di Gerusalemme est(ti dice niente la completa requisizione dei beni dei palestinesi che vi abitavano?)
    Perchè non ricordare che Hamas non ha collegamenti con Al qaeda?
    Personalmente condivido l’opinione di Amos Oz,scrittore e artefice del movimento pace subito.
    Dici che hamas vuole distruggere Israele?Perchè non dire che anche molti israeliani vorrebbero espellere tutti i palestinesi?La forza d’Israele è anche nelle rimesse degli ebrei americani….
    Buon 25 aprile.

Lascia un commento